Mercoledì, 17 Gennaio 2018 13:10

Come creare o meglio "Minare" Bitcoin

ARTICOLO SPONSORIZZATO

Le Criptovalute sono valute digitali, la prima è nata nel 2009 ed è conosciuta come BitCoin, ma esistono, in questo momento, circa 1500 criptovalute che sono riconosciute e regolamenttizzate.

Il mining (o creazione) è il modo utilizzato dal sistema per generare nuove criptovalute.

La rete (blockchain) memorizza le transazioni all’interno di strutture di dati chiamate in gergo “blocchi”. Affinché un blocco possa essere aggiunto alla catena dei blocchi, ovvero all’enorme database pubblico contenente tutte le transazioni è necessario che un elaboratore lo “chiuda” trovando un particolare codice, che può essere unicamente azzeccato a furia di tentativi e algoritmi matematici. Questa operazione cristallizza il blocco, impedendo qualsiasi modifica futura.

Questa operazione è chiamata in gergo mining (creazione), nome che deriva dal parallelismo bitcoin-oro, nel quale il reciproco è costituito dai minatori che cercano strenuamente le pepite d’oro nella roccia, e visto il lavoro dietro e gli algoritmi il parallelismo è azzeccato.

Aprire oggi un server di Mining è diventato molto facile poiché si può farlo a "noleggio" in termine tecnico hosting, cioè presso una struttura attrezzata alla quale si paga l'affitto per tale servizio, oppure Lifetime pagnado una quota variabile, a seconda della potenza erogata, una volta e per sempre.

Il rendimento è giornaliero, vengono cioè "minati" giornalmente porzioni di Bitcoin, in quantità proporzionale alla potenza del server.

ARTICOLO SPONSORIZZATO
Letto 420 volte